Copyright. All Rights reserved by Elisa des Dorides

quadrato

Gigi Masin - Kite

{

Sembra che in certi dischi il tempo trovi da infiltrarsi con una naturalezza estrema.

Come nel caso di Kite, firmato da Gigi Masin, compositore e musicista italiano di Venezia. Dagli anni 70 ha militato in diversi gruppi rock ed è conosciuto, tutt’oggi, per la sua abilità nel manipolare suoni con giradischi e mixer. Forte dell’eredità lasciata con i dischi Wind e Talk to the sea, ecco il lavoro pubblicato nel 2018, maturo, strutturato, sereno.

Così l’artista lo presenta nella sua pagina bandcamp: “Sto pensando a nuovi passaggi, altre destinazioni, nuovi posti da raggiungere .. ma ho ancora una borsa piena di ricordi: persone uniche che ho incontrato, sorrisi, abbracci, progetti ... Forse un cambiamento è come attraversare un ponte, seguendo un aquilone che trova il suo significato nel vento, il suo motivo per cercare l'orizzonte e rubare un altro sogno. Questa raccolta contiene alcune canzoni che ho realizzato negli ultimi anni, scritte per parlare di sogni e amore in attesa di nuovi colori e nuova musica”.

Un passaggio luminoso, il suo, quello raccolto in Kite, in flussi ambient ricamati con continue aperture melodiche. Il piano è una costante che scruta nell’intimo sentire e riporta tutto in superficie. Gli accenti di elettronica non sono mai invasivi ma lambiscono ogni brano con delicatezza, permettendo all’ascolto di distendersi e raggiungere il piglio fertile dell’immaginazione.

Forse in Kite troviamo meno manipolazione della materia sonora, ci sono meno strutture complesse rispetto ai precedenti lavori, probabilmente perchè qui si ricerca la lentezza per sciogliere il passato e scivolare con dolcezza verso altre terre.

 

 

Data pubblicazione

Febbraio 2018

 

Autoprodotto

 

Tracklist

Kite

Aphrodite's eyes

Closer

Blue line

Irish dove

Morning light

Magic touch

 

 

 

Create a website